Come trovare un giornalista?

Trovare un giornalista disposto a divulgare un’ ingiustizia

Condividi:   

I genitori vittime del sistema hanno 2 quesiti fissi: avvocati per minori, come scegliere un bravo legale, e giornalisti per divulgare, come trovarli?
Provocare l’ indignazione dell’ opinione pubblica è importante, ma trovare un giornalista disponibile non è facile.
L’ obiettivo comune di noi tutti è il seguente:
denuncia sociale, fermiamo il rapimento dei bambini!

Perchè i mass media non pubblicano la mia assurda situazione?

In alcuni casi ci si sente abbandonati dalle redazioni e non si riesce a trovare un giornalista.
I papà si domandano ad esempio di “violenza sugli uomini, in TV chi ne parla?“.
Le mamme, invece si chiedono “se non avessi denunciato le violenze a cui ero sottoposta, mi avrebbero tolto i figli?”.
Facciamo chiarezza.

La violenza non ha genere e le vittime sono mamme o papà a seconda della situazione.
I genitori vengono aggrediti dunque in maniera differente dal sistema marcio a seconda del loro sesso.
Non tutti i giornalisti sono specializzati in entrambe le dinamiche ed alcuni conoscono meglio quella che affligge i papà, altri le mamme.
In ogni caso le sicure vittime, sono sempre i bambini e dunque Cari Figli Miei si schiera dalla loro parte in un un blog senza segreti per non dimenticare.

Inoltre bisogna considerare che gli addetti all’ informazione sono soggetti a seguire precise linee editoriali, priorità e spazi che devono necessariamente rispettare.
Infine e non per ultimo per ordine di importanza, rendiamoci conto che le nostre storie sono incredibili e prima che qualcuno ci metta la faccia è necessario fornirgli prove certe, di quanto di surreale andiamo ahinoi a raccontare.
Credo che contattare gli organi di stampa, infatti, preveda il possesso di prove da fornire, al fine di garantire la certezza della notizia.

La strategia per trovare un giornalista

Bisogna armarsi di santa pazienza e contattarli tutti.
Si possono scrivere delle mail, oppure cercarli sui social, laddove sono molto presenti.
Il primo contatto spesso non porta risultati e bisogna dunque perseverare nel tempo, riprovandoci di tanto in tanto.
I tentativi non devono essere ravvicinati nel tempo, per evitare di essere di disturbo.
Possibilmente è importante utilizzare lo stesso messaggio inviato in precedenza per raccontare eventuali novità ulteriori, affinchè ci sia uno storico.
I messaggi da inviare devono essere brevi, chiari e ben dettagliati.
Crearsi un profilo social seguito è a mio avviso indispensabile ed il timore di essere spiati dai Servizi Sociali non abbia il sopravvento.
Qualora si sia vittime e si protesti in maniera rispettosa della legge e dei valori, non c’è nulla da temere.
Spesso i genitori perpetrano omertà – Le sevizie psicologiche dei Servizi Sociali, infatti hanno proprio lo scopo di intimorire.
Non si cada nella trappola, il nostro è uno Stato di diritto: denunciate e divulgate!

I contatti per trovare un giornalista

Le principali agenzie di stampa alle quali consiglierei di scrivere sono:

Ansa: comunicazione@ansa.it
Agi: segreteria.redazione@agi.it
ADN Kronos: segreteria.redazione@adnkronos.com
Aska News: segreteria@askanews.it

Alcune redazioni di portali e quotidiani hanno una mail unica a cui poter segnalare, ma altre, a seconda della zona, hanno un indirizzo geolocalizzato.
Sarà semplice cercarli su Google.
Indico di seguito i principali contatti nazionali:

Fan Page: fcancellato@fanpage.it
Il Fatto Quotidiano: segreteria@ilfattoquotidiano.it
Messaggero web: redazioneweb@ilmessaggero.it

Elenco di seguito invece i contatti di alcune trasmissioni televisive che potrebbero essere sensibili alla problematica:

Chi l’ ha visto: 8262@rai.it
Pomeriggio Cinque: pomeriggiocinque@mediaset.it
Uno Mattina: unomattina@rai.it
Matrix: dilloamatrix@mediaset.it
Cara Barbara: carabarbara@mediaset.it
La Vita in Diretta: lavitaindiretta@rai.it

Trovare un giornalista specializzato

Sempre più professionisti iniziano a parlare costantemente del business sulla pelle dei bambini.
I recenti fatti di Bibbiano e la colpevolezza di Claudio Foti è la prova di un sistema da condannare, molti giornalisti lo hanno capito e dunque ne parlano sempre più spesso.
Rivolgersi a chi ne ha fatto una costante linea editoriale è sicuramente una buona idea.

I servizi di Fuori dal Coro

La trasmissione si occupa spesso della piaga dei bambini strappati.
Mettiti in contatto su Twitter, Instagram oppure all’ indirizzo fuoridalcoro@mediaset.it
Mario Giordano è presente su Twitter, mentre Raffaella Regoli su Facebook.

Francesco Mura

Il direttore di Delitti e Misteri e Storie di Tutti i Giorni è molto attivo su Facebook. La sua linea editoriale è molto sensibile al problema e gli ha dedicato intere trasmissioni.

Suggerisco infine consultare la rassegna stampa – TV, quotidiani, periodici e web presente nel sito, per spunti ulteriori.

Cari Figli Miei - Seguici su Telegram
Segui Cari Figli Miei su Telegram