Soprusi di un sistema sociale malato

Cari Figli Miei: la denuncia dei soprusi dei Servizi Sociali

Ho iniziato denunciare i soprusi di una parte marcia del sistema nel Novembre 2020.
Gente senza scrupoli ci ha devastati prima, durante e dopo questa data.

Le vittime sono sempre i bambini.
I carnefici sono invece diavoli travestiti da angeli che con la scusa di tutelarli, attingono quanti più contributi statali possibili, arricchendo tutta la demoniaca filiera.

L’ inefficacia della protesta sociale mi ha portato due settimane fa ad oscurare i canali creati nel web e a ritirarmi silenziosamente.
Ho dunque chiuso questo blog.
Stessa sorte per il canale Youtube e l’ account Tik Tok di Cari Figli Miei.

La desolazione mi ha però tratto in inganno.
Questo è infatti un blog senza segreti per non dimenticare e deve restare visibile alla collettività.
La mia testimonianza, unita a tutte le altre, potrebbe essere importante.
Ho pertanto deciso di riattivare tutto e lasciare traccia on line di quanto ci sia accaduto.

Prove certe e testimonianze fermeranno ulteriori soprusi

L’ infanzia dei bambini è stata devastata e la mia vita distrutta, ma una attenta riflessione mi ha indotto a ripristinare i contenuti.
Ho deciso dunque fare il possibile affinchè questo blog rimanga on line per il maggior tempo possibile, nonostante i costi.
Sebbene la protesta sociale non ci abbia aiutato e nessuno potrà mai restituirci quanto ci sia stato tolto per sempre, il mio patire e le prove raccolte, potrebbero scongiurare altrui sofferenze.

La parte sana del sistema deve avere traccia dei soprusi

Divulghiamo la denuncia sociale, fermiamo il rapimento dei bambini.
In questo modo potremo aiutare lo Stato affinchè intervenga.
La paura di raccontare o peggio ancora la demotivazione hanno un nome preciso: omertà – Le sevizie psicologiche dei Servizi Sociali si devono invece fermare.

Cari Figli Miei - Seguici su YouTube
Iscriviti al canale Youtube di Cari Figli Miei

La mia è una vittoria, sebbene sembri una sconfitta

La protesta sociale resta ed ha ragione di esistere.
Ci ho visto giusto.
Le ingiustizie ed i soprusi perpetrati contro me ed i miei cari non sono un caso isolato.

La mia storia è la storia di tanti.

Ho denunciato in questi anni molte persone, pubblicamente e presso le Istituzioni.
Ho fornito prove, fatto nomi e cognomi.
Documenti, registrazioni e dati di fatto hanno dimostrato le prepotenze di cui parlo, ma nessuno ha fatto niente…

In ogni caso non è stata mossa nessuna querela ad oggi nei miei confronti.
I Servizi Sociali di Prato e gli enti assistenzialistici ad essi connessi sono infatti marci quantomeno in parte.
Il giro di denaro sulla tutela dei minori è spropositato rispetto al numero degli abitanti di questa città.

Ho appurato allo stesso tempo nel gruppo Facebook di Cari Figli Miei angherie analoghe.
Si tratta di ingiustizie che accadono a macchia di leopardo in tutta Italia.
Ho vinto perchè lascio prove inconfutabili, sebbene non sia riuscito a salvare me e la mia famiglia da questa Apocalisse.

Resto a disposizione delle Autorità per chiarire qualsiasi dettaglio.
Spero infatti qualcuno voglia approfondire e concludo con un breve video che si commenta da solo…

Matteo Biffoni, sindaco insensibile ai soprusi subiti dal suo concittadino Cristian Vacca
   Facebook   Twitter   Whatsapp

Di Cristian Vacca

Sono Cristian Vacca, un padre maltrattato. L' amore tra babbo e figli, devastato dalla superficialità di chi avrebbe dovuto tutelarlo. Definire malato un amore forte e sano: il sistema non funziona! Vivo per i miei figli e non ho paura di salvaguardarli.