Clochard non per scelta: padre separato ridotto alla fame

Papà clochard costretto all' elemosina
Cristian Vacca è un padre separato costretto a diventare clochard

I papà separati sono i nuovi poveri.
Figli, stipendio e dignità vengono tolti senza pietà.
Alcuni si suicidano, altri finiscono in strada, sono i clochard del Terzo Millennio.
Alienare i figli e distruggere un padre: lo schema è sempre lo stesso!

E’ questa la storia di Cristian Vacca, fondatore di questo sito.
Uno dei tanti papà bancomat, spremuto fino all’ osso.
Buste paga finanche di 70 euro al mese!

L’ amore per i figli, l’ aiuto di amici e parenti ed una forte resilienza, lo hanno aiutato a resistere 3 anni.
Purtroppo alla fine si è dovuto arrendere, è finito in strada e adesso è un clochard per costrizione.

Un clochard multimediale

Una parte dei Servizi Sociali e della Filiera Psichiatrica è marcia e la pena inflitta a Claudio Foti è la prova di un sistema da condannare.
Questa volta, però il padre ridotto a fare il barbone è social e si muove bene su internet.

Cristian, suo malgrado si sostiene con la carità, ma divulga la sua storia a nome di tutti gli altri genitori.

Il sistema marcio ha ridotto Cristian a vivere in strada

Fermare il vagabondo telematico sarà possibile?

No. non si ferma.
Cristian è ligio alle regole come sempre. Chiede un pasto caldo o un tozzo di pane, se gli è permesso. In caso contrario desiste con educazione.
Nel frattempo però divulga l’ esperienza sua e degli altri genitori martiri.

Il 2 Ottobre 2021, Cristian è stato già vittima di uno strano attentato, nel quale uno sconosciuto, gli ha spezzato il tendine di Achille.
Responsabili e mandante sono ancora ignoti e non è possibile fare congetture. Fatto sta che il delinquente abbia sferrato un colpo alle sue spalle e senza motivo alcuno.
Simili episodi in ogni caso non fanno paura e saranno denunciati alle Autorità.

Attentato: Cristian Vacca in sedia a rotelle
Attentato del 2 Ottobre 2021, Cristian Vacca in sedia a rotelle

Clochard si, ma itinerante e divulgativo

Cristian chiede aiuto nelle piazze e diffonde notizie per allertare.
Vuole una risposta alle sue domande, ma le pone a nome di tutti i genitori vittima di un sistema marcio.
Eccone alcune:

  • “Perchè mi avete tolto tutto?”
  • “Un Tribunale può decurtare tanto denaro lasciando 70 euro in busta paga?”
  • “Perchè chi guadagna pochi euro al mese non ha diritto al gratuito patrocinio, allorchè tutti i soldi vadano alla ex moglie?”
  • “Se non ho commesso violenza nè reati, perchè non condannate chi mi ha calunniato?”

Si può incontrare facilmente Cristian perchè comunica i suoi spostamenti nel Gruppo Facebook di Cari Figli Miei.

I papà diventano clochard e le mamme?

Il sistema non risparmia nessuno.
Gli errori e le violenze da parte dei genitori non hanno sesso.
L’ uomo violento è utile al business e qualora non lo fosse, sarà sufficiente diffamarlo.
Le mamme, però spesso sono realmente vittime.
I percorsi psicologici sull’ uomo carnefice ingenereranno dunque i primi fatturati, mentre le donne verranno devastate in maniera differente al fine di ingenerare lucro ulteriore.
Le donne abusate dagli uomini sono infatti moltissime e alla prima richiesta di aiuto, spesso cadono nella trappola.
I Servizi Sociali e la Filiera Psichiatrica sono marci, a macchia di leopardo, in tutto il Paese.
Le mamme che incontrano la parte corrotta del sistema, finiscono in casa famiglia.
Gradualmente, toglieranno loro i figli a vantaggio di altre forme di business legate ad adozioni ed affidamenti.
Le false denunce di violenza, infine, sono una grave mancanza di rispetto nei confronti delle vere vittime.
La mano pesante della Giustizia punisca severamente protagonisti e sobillatori di simili calunnie.

Cari Figli Miei - Seguici su Tumblr
Segui Cari Figli Miei su Tumblr
   Facebook   Twitter   Whatsapp

Di Cristian Vacca

Sono Cristian Vacca, un padre maltrattato. L' amore tra babbo e figli, devastato dalla superficialità di chi avrebbe dovuto tutelarlo. Definire malato un amore forte e sano: il sistema non funziona! Vivo per i miei figli e non ho paura di salvaguardarli.