Aiutaci ad aiutare padri, madri e figli in difficoltà

Dacci una mano con il cuore, aiutaci.
Dacci una mano con il cuore, aiutaci.

Vuoi contribuire a porre fine all’ orrore dei bambini strappati ai genitori ingiustamente?
Cosa aspetti allora?
Aiutaci!

La nostra richiesta di supporto è da intendersi come puro volontariato non retribuito.

Il tuo apporto, dunque, potrebbe essere importante al fine divulgativo e sociale.
L’ idea di creare un’ associazione c’è, ma al momento è solo possibile aiutarci l’ un l’ altro in qualche modo.
Non si possono invece inviare donazioni, che non potrebbero essere accettate in nessuna forma o misura.

Cari Figli Miei è inizialmente nato come il sito web di Cristian Vacca, un padre maltrattato.

Ecco perchè ti stiamo cercando

Nato come un blog senza segreti per non dimenticare, il fine di queste pagine, tuttavia, da personale è divenuto sociale.

Bisogna infatti porre fine allo scandalo dei figli rubati alle famiglie senza motivo e se da un lato la violenza di genere contro gli uomini è un tabù sociale, non mancano episodi di malagiustizia nei confronti delle mamme.

Lo sciacallo si disinteressa al sesso della vittima ed ha come unico obiettivo, l’ arricchire la filiera psichiatrica, con le dovute eccezioni delle persone per bene che ne fanno parte.

I profili che in maniera volontaria e gratuita potrebbero supportarci sono dei più svariati.

Se ti piace scrivere, aiutaci creando contenuti

Il blog non ha scopi economici, ma puramente divulgativi. Se ti piacerebbe curare una rubrica o un argomento a tema, allora dacci una mano.
Potresti collaborare scrivendo contenuti in queste pagine e se volessi esprimere una sola idea una tantum, il tuo ausilio sarebbe comunque notevole.

Se sei un avvocato e vuoi tutelarci ai fini sociali, aiutaci.

Le mamme ed i papà ai quali sottraggono i figli, sono persone che attraversano una situazione economica critica. La possibilità di pagare i costi legali è scarsa se non nulla.
Frequentemente non si ha diritto al gratuito patrocinio.

Il tuo supporto dovrebbe essere volontario e non retribuito.
Qualora non te la sentissi, perchè il lavoro va giustamente pagato, potresti aiutarci scrivendo testi legali oppure rispondendo alle domande dei genitori in difficoltà.
Lo faresti gratis, ma pubblicheresti il tuo nome ed i riferimenti.
Le persone che possono permetterselo, leggendoti potrebbero diventare tuoi clienti (rapporto esterno a questo blog).

Sei un social media specialist? Aiutaci a diffondere i nostri contenuti.

Potresti aiutarci a divulgare sui social storie di maltrattamenti spesso insabbiati, o magari curare la nostra Pagina Facebook.
Se ci pensi, di violenza sugli uomini, in TV chi ne parla?
Tutti conoscono il flagello della violenza sulle donne, problema gravissimo sul quale si deve ancora lavorare molto.
In pochissimi sanno però, che il numero di uomini maltrattati dalle donne è notevole.
Se sei un professionista, potrai pubblicizzarti e magari trovare clienti tra i lettori. Se ciò non accadesse avrai aiutato mamme e papà e soprattutto bambini a cercare di venir fuori dall’ inferno.

Sei uno psicologo? Per favore aiutaci

Credo non serva dirti in che modo tu possa aiutarci. Conosci bene la problematica e dunque potrai sicuramente darci un supporto incommensurabile.

Sei una persona che lavora nei servizi sociali?

Le istituzioni sono il nostro punto fermo. Le istituzioni, quelle vere.
Sei il benvenuto, stavamo cercando proprio te.

Sei un papà o una mamma in difficoltà? Aiutaci.

Se hai bisogno di aiuto per certi aspetti, non è detto non possa aiutarci per certi altri.
E’ importante essere uniti e ciascuno di noi potrà dare nel suo piccolo un enorme contributo agli altri.
Ti aspettiamo.

Sei una persona che vorrebbe fare qualcosa per noi?

Qualsiasi idea va bene. Decideremo il dafarsi insieme. Se non sai come aiutarci o essere aiutato, contattaci egualmente e restiamo uniti.
Ci verranno sicuramente delle idee costruttive.

Segnalazioni dalla rete

Puoi aiutarci anche segnalando portali a supporto dei genitori separati, gruppi Facebook e pagine su separazione e bigenitorialità oppure blog di genitori alienati per amore verso i figli.

Duqnue, cosa aspetti?
Accedi alla sezione contatti e scrivici adesso.



   Facebook   Twitter   Whatsapp